“L’unica rivoluzione vincente è quella delle donne, bisognerebbe parlare solo di loro visto che sono quelle che hanno avuto più fantasia e innovazione nel partito politico”. Parola di Luciana Castellina, una donna che di battaglie femministe ne sa qualcosa. Tra le protagoniste della vita politica italiana dal dopoguerra in poi, oggi ha voglia di parlare d’amore, come raccontato in un’intervista per l’Huffington Post, parlando di uno dei suoi ultimi libri, Amori comunisti, datato 2018.

Amori comunisti

Amori comunisti

Tre storie d'amore rocambolesche, unite dalle persecuzioni, nell'ultimo libro di Luciana Castellina.
14 € su Amazon
16 € risparmi 2 €

Ero stufa di sentir parlare degli errori e degli orrori dei comunisti. Parliamo degli amori, perché una buona parte di loro ha pagato in modo molto caro un impegno e un amore per la politica. […] Oggi non c’è più nessuno con una grande passione per la politica intesa come modo di cambiare il mondo. Non è vissuta come passione. Si sacrifica tutto, anche l’amore. Non c’è più una speranza che all’epoca era pagata cara, con molti dolori, ma era comunque una speranza.

Rossana Rossanda: "Il mio corpo se ne va, non io"

Nata a Roma il 9 agosto 1929, Luciana Castellina ha frequentato il Liceo Tasso di Roma per poi laurearsi in legge alla Sapienza, dove ha conosciuto diverse figure chiave degli scenari politici del Paese. Da lì, nel 1947, la decisione di iscriversi al Partito Comunista Italiano. Appena laureata diventa funzionaria della FGCI, del cui settimanale Nuova Generazione sarà direttrice fino al 1962. Nel frattempo, i colleghi di partito non restavano insensibili al suo fascino, anche se in apparenza non lo si poteva mostrare, come lei stessa ha raccontato in un’intervista a Repubblica.

La responsabilità e il decoro, che il partito, esigeva dovevano convivere con le passioni sentimentali che a volte potevano essere travolgenti. Non era facile tenere sotto controllo una situazione antropologicamente chiara ma politicamente condizionante. In fondo parlare d’ amore è complicato.

Quello strano "matrimonio tra single" tra Indro Montanelli e Colette Rosselli

Nel 1953 Luciana Castellina sposò Alfredo Reichlin, da cui ebbe due figli e da cui poi si separò, cinque anni dopo. Continuarono a volersi bene, “perché l’amore è un grande rapporto umano”. Poi, il legame di quarant’anni con Lucio Magri, osteggiato dal partito, con cui ha vissuto “per un lungo tratto fedeli e poi liberi di avere altre storie, ma sempre stando insieme”. Non marito, non amante, ma compagno, che è qualcosa di più.

 L’amante può essere la storia di una sera. Compagno puoi esserlo per la vita. E comunque meglio compagno che marito. Uno dà il senso di scelta che l’altro non offre. E poi: mentre è difficile avere molti mariti, è possibile avere molti compagni. Storicamente non è facile essere monogami.

Forte e da sempre indipendente nelle proprie scelte, nel 2019 Luciana ha accettato di candidarsi per il Parlamento europeo con Syriza, il partito al governo in Grecia, paese che conosce molto bene, dato che nel 1967 fu arrestata proprio ad Atene durante il regime dei Colonnelli.

Mi ha molto commossa questa proposta – ha spiegato lei a Repubblica– per me è la giusta testimonianza di solidarietà con la Grecia e con Alexis Tsipras, il quale in questi anni ha fatto tutto quello che poteva fare, non poteva certo far affogare il suo Paese nel Mediterraneo.

Nonostane la sconfitta elettorale Luciana Castellina ha dimostrato una volta di più di essere una donna pronta a mettersi in gioco, e sempre fedele alle sue idee.

Questa una lista dei libri più famosi di Castellina.

La fabbrica del manifesto. Il decennio rosso 1969/1979

La fabbrica del manifesto. Il decennio rosso 1969/1979

Luciana Castellina e Massimo Serafini raccolgono le testimonianze dirette della generazione nuova che partecipò a quella collettiva presa di parola, attraverso la narrazione in tempo reale della «rivista del Manifesto » e del quotidiano il manifesto.
20 € su Amazon
22 € risparmi 2 €
Guardati dalla mia fame

Guardati dalla mia fame

Nella Puglia del dopoguerra, terra di passaggio dove si incontrano reduci, transfughi, tedeschi e alleati, in occasione di un comizio di Giuseppe Di Vittorio, politico e sindacalista, avviene un linciaggio. In Guardati dalla mia fame Milena Agus e Luciana Castellina entrano nei fatti, ciascuna con la propria passione e la propria ragione, minuziosamente documentate. Milena Agus penetra nel palazzo delle vittime, e le ricrea con la sua smagliante e amorosa immaginazione, mentre Luciana Castellina ricostruisce la storia di quegli anni, assai poco nota, e le circostanze che fecero di una folla di poveri braccianti e delle loro donne dei feroci assassini: una all'interno, l'altra all'esterno, in due superfici che si toccano senza conoscersi, il palazzo e la piazza, e che quando vengono a contatto, esplodono.
7 € su Amazon
La scoperta del mondo

La scoperta del mondo

La scoperta del mondo è il diario di Luciana Castellina, che ha tenuto dal giorno in cui, il 25 luglio 1943, a Riccione, la partita di tennis con la sua compagna di scuola Anna Maria Mussolini viene interrotta perché la figlia del Duce deve scappare (suo padre è stato appena arrestato a Roma), a quando si iscrive al PCI. In mezzo, l'evoluzione di una ragazza dei Parioli, con gli occhi aperti sul mondo e sulla storia, titubante nei suoi pensieri e curiosa di capire, i primi viaggi a Praga e nella Parigi del dopoguerra, i primi compagni, il primo gioioso lavoro, insieme a tanti coetanei di tutta Europa, per costruire una ferrovia nella Jugoslavia di Tito, le domande, le ribellioni, le scoperte di uno spirito impaziente di prendere forma.
13 € su Amazon
16 € risparmi 3 €
Siberiana (Cronache)

Siberiana (Cronache)

Sulla linea ferroviaria più lunga del mondo, che da Mosca arriva al Mar del Giappone, un gruppo di scrittori e giornalisti italiani attraversa la Russia asiatica: ecco il punto di partenza di Siberiana. In occasione della Fiera del libro di Mosca, la delegazione viene accompagnata attraverso i profondi cambiamenti della Russia, dal centro alle periferie dell'impero, cinque fusi orari e seimila chilometri da Mosca. La convivenza nei vagoni della Transiberiana, affacciati per centinaia di chilometri sui boschi di betulle, trasforma presto gli ospiti in una brigata allegra che colora il viaggio dei toni di un'inattesa gita scolastica.
7 € su Amazon
Manuale antiretorico dell'Unione europea. Da dove viene (e dove va) questa Europa

Manuale antiretorico dell'Unione europea. Da dove viene (e dove va) questa Europa

In Manuale antiretorico dell'Unione Europea Luciana Castellina ripercorre sessant'anni di storia dell'Unione Europea, e sottolinea la necessità di rilanciare il progetto dell'Unione superando le scelte sbagliate e antidemocratiche con le quali Bruxelles ha risposto alla crisi e ai flussi migratori. Questo libro racconta le tantissime verità occultate: dai primi vagiti dell'europeismo ufficiale alla cosiddetta "legislazione d'emergenza" (espedienti e sotterfugi privi di qualsiasi legittimazione democratica) dei nostri giorni.
11 € su Amazon
18 € risparmi 7 €
La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!