'Mi chiamo Espérance Hakuzwimana Ripanti, sono una donna, sono nera e italiana' - Roba da Donne

"Mi chiamo Espérance Hakuzwimana Ripanti, sono una donna, sono nera e italiana"

Avevo varie domande da farle, ma soprattutto ne avevo una da non farle: "Da dove vieni? Raccontami la tua storia, di come sei arrivata in Italia!". Perché?

Prossimo video

"Non sarò mai la brava moglie di nessuno": la ribellione nel suicidio di Evelyn

Annulla

Da tutta la vita mi trovo a dover rispondere almeno cinque volte a settimana alle stesse identiche questioni:
Di dove sei? Da dove vieni? Che origini hai? Di dove sono i tuoi genitori? Da che Paese arrivi? Da quanto se qui? Quando sei arrivata?
[…]
La loro vera domanda, che mi perseguita da anni, è un’altra: “Di dove sei veramente?“.
Come a dire “OK, parli l’italiano, mangi italiano, ti vesti come me, ascolti la mia stessa musica, fai il mio stesso corso, leggi libri interessanti, conosci gli orari degli autobus, sai riconoscere i nomi delle piazzi e sembri a posto, però non mi basta”.

Ho incontrato Espérance Hakuzwimana Ripanti che avevo appena finito di leggere il suo libro, edito da People, “E poi basta – Manifesto di una donna nera italiana” e, non nego, di invidiarne la scrittura, lirica ma chirurgica, emotiva a tratti cinica, senza pace.

E Poi Basta. Manifesto di una donna nera italiana

E Poi Basta. Manifesto di una donna nera italiana

"E poi basta" è il racconto di come Espérance Hakuzwimana Ripantir sia riuscita a uscire dalla sua stanza rendendo reale tutto quello che prima di allora aveva vissuto solo nei libri.
Compra su Amazon

Avevo varie domande da farle, ma soprattutto ne avevo una da non farle: “Da dove vieni? Raccontami la tua storia, di come sei arrivata in Italia!“. Perché?

Perché avevo letto il suo libro; e solo una persona che non lo ha letto può pensare di farle questa domanda!
Perché avevo letto il suo libro; e per la prima volta mi sono trovata a pensare quanto doloroso può essere dover continuamente spiegare come ci si è finiti da gabbianella (leggi nera, per utilizzare un paragone che Espérance fa più volte nel suo libro, facendo riferimento alla nota favola di Luis Sepúlveda), in un mondo di gatti, a cercare a volte di fare il gatto o, comunque, a provare ad assomigliarci il più possibile o, almeno, a passare inosservata.

Quel pezzo della sua storia lo condenso qui in breve.
Espérance  è nata in Ruanda nel 1991 e a tre anni è arrivata in Italia, con l’aereo che ha strappato 40 bambini di un orfanotrofio al genocidio allora in atto.

Non è storia nella quale ci si possa addentrare, ogni volta, conversando con chiunque voglia sapere.
Né è questa la sede per farlo in vece sua – comunque non potrei.
Nella storia di cosa significhi essere donna, nera, italiana, invece, meglio lasciare la parola a lei.

Non solo per scoprire qualcosa di lei ma, soprattutto, per scoprire qualcosa di noi stessi.
Antirazzisti convinti e dichiarati che, spesso, con tanta buona fede e altrettanti buoni propositi, cadiamo in qualche eccezione.

La discussione continua nel gruppo privato!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...
  • Le interviste di RDD