logo
Stai leggendo: “Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio” in 10 punti

"Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio" in 10 punti

Essere single non dovrebbe essere un punto di debolezza, ma di forza. Con tanti vantaggi. È quello che è scritto nel libro "Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio" di Kate Bolick.
Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio di Kate Bolick

Quante di noi avranno sentito il peso di una società che destina un solo futuro per le donne, sposarsi e avere figli? Si tratta di un retaggio che purtroppo ci portiamo dietro ancora oggi in alcuni Paesi, tra cui l’Italia. O in generale laddove diciamo ancora «zitella» e non single. Laddove la lezione di indipendenza di Carrie Bradshaw pare essere limitata all’ambito dell’intrattenimento. Per questo risulta ancor più rivoluzionario il contenuto di un libro, Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio di Kate Bolick (acquistabile qui). Si tratta di un volume che racchiude i vantaggi della vita da single, che sono tanti e vanno esplorati. Stando alle dichiarazioni della stessa autrice in un’intervista a Io Donna, abbiamo riassunto questi vantaggi in 10 punti principali: ecco quali.

1. L’indipendenza

Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio di Kate Bolick
Fonte: Web

È qualcosa che non ha a che vedere con un ambito della vita da single, ma con molti. Parliamo dell’indipendenza economica in particolare, ma anche della possibilità di non essere vincolata a niente o a nessuno. Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio di Kate Bolick non tratta di uno stile di vita opposto a un altro, ma dell’importanza di raggiungere un proprio equilibrio da sé e per sé. Che abbiamo una relazione o no poco importa: è una cosa che dobbiamo fare per noi stesse, non per gli altri.

2. I valori

Essere single significa avere dei propri valori e avere la possibilità di perseguirli senza alcun vincolo. Dopotutto il termine «zitella» è nato nel Medioevo, e indicava un impiego: le donne nubili filavano infatti la lana e il termine non aveva un’accezione negativa. Era il modo con cui abitualmente sopravvivevano, da sole, senza l’aiuto di nessuno, avendo la libertà per farlo, uno dei valori importantissimi – anzi fondamentali – per le donne single (e non solo).

3. Vita sociale

Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio di Kate Bolick
Fonte: Web

Chi è single ha una vita sociale molto più intensa e coltiva i rapporti famigliari in modo più stretto. Accade anche e soprattutto perché ha a disposizione più tempo rispetto a chi è sposata, magari anche con dei figli a carico. Dopotutto è risaputo che la vita di coppia tende a impigrire le persone, mentre essere single tendenzialmente predispone a essere più aperti a fare nuove esperienze.