Susanna Tamaro in versione 'inedita': 'È stato difficilissimo sopravvivere'

Una Susanna Tamaro 'inedita', quella che compare nel docufilm di Katia Bernardi che si chiama, appunto, "Inedita", e che ci porta a conoscere quel lato più intimo della scrittrice amata e odiata da tutti.

Trenta libri in più di trent’anni di carriera, ma anche tanti insulti, offese, pregiudizi, tutti schivati con eleganza e discrezione.

Susanna Tamaro è conosciuta per quello che è considerato il suo più grande successo letterario, Va’ dove ti porta il cuore, ma dal 1989 (anno dell’uscita del primo romanzo, La testa fra le nuvole) in poi, ha raccontato molto, se non tutto, di se stessa e di milioni di persone: dell’amore, della sindrome di Asperger – perfettamente narrata ne Il tuo sguardo illumina il mondo -, di come vede il mondo, guadagnandosi, per questo anche la “fama”, meno piacevole, di cattobigotta, buonista, incoerente.

Quando fu travolta dal successo planetario del suo libro cult, e poi dalle opinioni, non sempre gentili, del pubblico, è riuscita a salvarsi grazie all’assenza dei social, come ha recentemente spiegato in un’intervista per Huffington Post:

Altrimenti non sarei sopravvissuta – dice – Questa cattiveria c’è stata e c’è sempre, perché certa gente, facendo così o dicendo certe cose, si rassicura. Si rassicurano quando ti possono mettere in un cassettino e tirarti fuori quando serve. Chi, invece, come me, non sta in nessun cassettino, inquieta e fa paura.

Non ha mai voluto né accettato etichette, da donna indipendente e libera, forse anche questo l’ha resa più forte di quanto lei stessa pensi di essere; anche per questo poco le è importato di ricevere le critiche del mondo LGBTQ+, che l’ha accusata di incoerenza per essersi definita “eterosessuale al 100%”, anche se non portata per la vita di coppia e per la maternità, ma al contempo di volersi unire civilmente con la sceneggiatrice e scrittrice di romanzi gialli Roberta Mazzoni (che usa il nom de plume Roberta De Falco), con cui dall’88 convive a Porano, in Umbria.

'Che noia chi ci chiede del sesso': la vita di Roberta De Falco e Susanna Tamaro

Sul loro rapporto Tamaro ha sempre speso poche parole, proprio perché non è nella sua indole dover dar conto agli altri e dare in pasto al pubblico altro che non sia la sua arte e la sua letteratura.

Anche per questo sorprende vederla oggi protagonista di un documentario che la racconta, e che sviscera dettagli molto più intimi della sua vita; si chiama Inedita, non a caso, ed è firmato dalla regista Katia Bernardi. Presentato a ottobre alla Mostra del Cinema di Roma, il docufilm ha richiesto tre anni di lavoro proprio perché, come ha spiegato la regista nel corso della conferenza di presentazione, “volevo essere delicata e rispettosa della sua sfera privata. I tempi lenti sono serviti a instaurare un rapporto di fiducia e di amicizia”.

Sia chiaro, questo non significa un ripensamento, da parte di Tamaro, rispetto alla decisione di abbandonare la vita pubblica.

Ho subito una campagna stampa di odio per anni, da parte di tutti, destra e sinistra, cattolici e buddisti – ha spiegato in una recente intervista per SuperGuida Tv –  Questa denigrazione ossessiva ha lasciato un’immagine pessima di me in Italia. Ci sono addirittura persone che mi insultano per strada. Ho deciso dal 2019 di ritirarmi dalla vita pubblica perché non ce la faccio fisicamente e mentalmente a sostenerla, ma continuo a scrivere e questo film è un modo per offrire alle persone la verità su di me.

Nel frattempo, però, continua a scrivere; l’ultima fatica è Una grande storia d’amore, pensato più di dieci anni fa ma ultimato solo durante il lockdown.

Erano anni che volevo scrivere una storia d’amore, ho l’età oramai per farlo – ha detto all’Huffington – Passati i sessanta, posso raccontare le storie d’amore con una certa tranquillità. Sono quasi tutte storie di disamore quelle che si raccontano, qui invece ho voluto parlare dell’esatto contrario, dell’amore nelle sue sue diverse fasi in un tempo che fa maturare personaggi e paesaggi.

Ha un’idea ben precisa dell’amore, Tamaro, che spesso però non è stata compresa.

Per anni ho avuto una persecuzione sulla mia identità e sulla mia vita che è stata molto violenta. È stato difficilissimo sopravvivere. Se non avessi avuto grandi passioni – su tutte l’amore per la vita – non ce l’avrei fatta. Mi ha aiutata molto essere circondata da persone che mi vogliono bene e che sanno chi sono veramente. Se esci da una delle rotaie prestabilite, non vieni tollerato. Spesso ti costringono a farlo, ma io sono un’anarchica e non voglio stare in nessuna rotaia.

Così, del resto, si definisce fieramente:

Una persona che non accetta di essere rinchiusa in nessun cliché, una persona abbastanza pazzerella. Mentre stavamo facendo le riprese per il film, uno dei ragazzi che lavorava con noi, mi ha detto: ma lei è veramente matta?

[gli ho risposto] Che ringraziando il cielo, sì, è vero, sono matta, ma nel senso più positivo del termine.

Questi i libri più famosi di Susanna Tamaro.

Va' dove ti porta il cuore. Ediz. speciale

Va' dove ti porta il cuore. Ediz. speciale

Olga è ormai anziana e malata, sente il bisogno di raccontarsi, di ripercorrere la sua giovinezza, il suo matrimonio infelice e le vicende che hanno condotto sua figlia Ilaria a una morte precoce. Ha così inizio la sua lunga confessione alla nipote Marta, sotto forma di lettera-diario, in cui ritrovare finalmente il senso della propria esistenza e della propria identità.
12 € su Amazon
13 € risparmi 1 €
La testa fra le nuvole. Con un brano inedito

La testa fra le nuvole. Con un brano inedito

Ruben è un quindicenne orfano, di famiglia un tempo ricchissima ma decaduta, ingenuo e indolente, che vive con la nonna e la bisnonna in una villa immersa in un grande giardino. La sua routine è sconvolta dall'arrivo di Oskar, il nuovo precettore assunto dalle nonne per lui. È il primo romanzo di Susanna Tamaro.
3 € su Amazon
6 € risparmi 3 €
Anima mundi

Anima mundi

Anima mundi è un romanzo di formazione che segue la crescita interiore del giovane Walter, un ragazzo che attraversa fuoco, terra e vento per conoscere se stesso.
11 € su Amazon
12 € risparmi 1 €
Ascolta la mia voce

Ascolta la mia voce

Ascolta la mia voce è il seguito di Va' dove ti porta il cuore, e narra le vicende della nipote di Olga, la protagonista del precedente romanzo, alla quale era stata indirizzata la lettera-diario. Tornata dall'America la ragazza deve accudire la nonna, che colpita dall'ictus inizia a perdere sempre più la lucidità mentale. Quando la nonna muore, inizia un lento viaggio alla ricerca delle proprie radici, iniziando col cercare fra i ricordi della madre Ilaria, tracce del proprio padre di cui ignora il nome.
3 € su Amazon
6 € risparmi 3 €
Il tuo sguardo illumina il mondo

Il tuo sguardo illumina il mondo

Il tuo sguardo illumina il mondo è un libro che narra la profonda amicizia che lega l'autrice a Pierluigi Cappello, poeta scomparso nel 2017. Un'amicizia speciale, limpida e luminosa, riflessiva e inquieta, capace di analizzare la tormentata complessità di questi tempi, senza lasciarsene mai sopraffare.
14 € su Amazon
15 € risparmi 1 €
Una grande storia d'amore

Una grande storia d'amore

Una storia semplice eppure deflagrante, che ci pone domande fondamentali, quella che ha per protagonisti Edith e Andrea; sui legami che forgiamo tra le anime, sulla nostra capacità di cambiare, sul destino che unisce e separa. Un romanzo potente, intenso, ricco di saggezza, capace di segnare la strada per la rinascita che tutti cerchiamo.
16 € su Amazon

Articolo originale pubblicato il 2 Dicembre 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!
  • Storie di Donne