logo
Stai leggendo: Non sarò mai la brava moglie di nessuno

Non sarò mai la brava moglie di nessuno

Non sarò mai la brava moglie di nessuno

Consigliato a ...

Chi è intrigato dalla storia della sfortunata Evelyn McHale e desidera leggere un romanzo che richiami il gusto e i tempi della pop art, sofisticato e avvincente al tempo stesso.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Recensione e trama

È la mattina del primo maggio 1947 quando Evelyn McHale, una giovane e attraente impiegata di 23 anni, raggiunge la terrazza panoramica all’ottantaseiesimo piano dell’Empire State Building, il grattacielo simbolo di New York, e si lancia nel vuoto. Il suo cadavere, miracolosamente e inspiegabilmente, rimane intatto e bellissimo, al punto di attirare l’attenzione di un giovane fotografo sconosciuto e di diventare una delle immagini più celebri e potenti mai pubblicate da LIFE Magazine.

Proprio all’ultimo piano del grattacielo sono stati trovati i suoi oggetti e le sue due lettere di addio, una al fidanzato, e promesso sposo, e una rivolta a chiunque avesse trovato il corpo.

A distanza 71 anni resta tuttora un mistero il motivo che possa aver spinto una giovane impiegata che stava per sposarsi a scegliere la morte, ma una prima indicazione, forse, può essere rinvenuta proprio nelle parole vergate in quei messaggi di addio, in cui Evelyn dice di se stessa

… Non sarei una brava moglie per nessuno…

Lei, che era nata povera, con un’infanzia facile, sesta di sette figli costretti, a causa del lavoro del padre, a spostarsi di città in città, ha visto la madre prima cadere in depressione poi chiedere il divorzio, abbandonando lei e i fratelli, ma si è riscattata crescendo, con la laurea, l’arruolamento nel corpo femminile dell’esercito e il trasferimento a Jefferson, nel Missouri. Poco importa che la carriera militare vada tanto male da spingere Evelyn a bruciare addirittura l’uniforme dopo il congedo.

A New York, dove torna ospite del fratello e della moglie, a Long Island, trova un lavoro come contabile e si fidanza con un ragazzo di nome Barry Rhodes, studente in un college a Easton, in Pennsylvania, un’ora e mezza circa di distanza dalla Grande Mela.
Evelyn va spesso a trovare il fidanzato, lo fa anche il 30 aprile, il giorno prima del suo suicidio. Di lei Barry, dopo la morte, disse

Quando l’ho baciata per salutarla, era felice e normale come qualsiasi ragazza in procinto di sposarsi.

Ma nella testa della giovane, è evidente, c’erano pensieri di tutt’altro tipo; e il desiderio di andarsene, di sparire completamente, era tanto da scrivere questo sul biglietto dedicato a chi l’avrebbe ritrovata cadavere.

Non voglio che nessuno, della mia famiglia o meno, veda alcuna parte di me. Potete distruggere il mio corpo cremandolo? Prego voi e la mia famiglia: non voglio nessun funerale o commemorazione. Il mio fidanzato mi ha chiesto di sposarlo in giugno. Starà molto meglio senza di me. Dite a mio padre che ho preso troppe tendenze da mia madre.

La storia di Evelyn McHale è affascinante e misteriosa, come e forse più di un romanzo. Dopo anni di ricerche e interviste, Nadia Busato ha scritto un libro ispirato a lei partendo proprio dalla fotografia diventata celebre, che ha suggestionato, anche grazie al lavoro di Andy Warhol, la moda e l’arte delle avanguardie pop. Non sarò mai la brava moglie di nessuno uscirà il 22 marzo 2018, edito da SEM, ed è già disponibile su Amazon.

Dettagli

Prezzo Listino: 13,60
Editore: SEM
Collana: ND
Data Pubblicazione: 22/03/2018
Pagine: 0
ISBN-10: 889390067X
ISBN-13: 978-8893900676
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: Non sarò mai la brava moglie di nessuno