diredonna network
logo
Stai leggendo: Più Intelligenti ed Empatici: Due Motivi in Più per Leggere!

Senza volto

10 romanzi d'amore che ci hanno fregate più delle principesse Disney

Se non ti vedo non esisti

Manuale di prevenzione amorosa per donne single (e principesse)

L'amore che mi resta: "Quando tua figlia sceglie di suicidarsi"

9 libri da leggere sotto l'ombrellone - I consigli di Roba da Donne

Giovani, Carine e Bugiarde

Leggere Prima di Andare a Dormire fa Sognare (e Non Solo)

13 libri da leggere ai vostri bambini dai 3 ai 5 anni (più uno per voi)

Federico Moccia racconta "Tre volte te": "Ascoltare l'amore non ci stanca mai"

Più Intelligenti ed Empatici: Due Motivi in Più per Leggere!

Leggere è un'attività meravigliosa e magica... ma rende anche più intelligenti ed empatici verso gli altri! Ecco due motivi in più per leggere!
Fonte: web
Fonte: web

E se un libro non fosse solo un mezzo per riflettere, sognare o intrattenersi e fosse anche un modo per essere più empatici verso gli altri?

È quanto sostengono Raymond Mar, uno psicologo alla York University in Canada, e Keith Oatley, professore di psicologia cognitiva all’Università di Toronto, che hanno dimostrato in alcuni studi che chi legge narrativa è più capace di comprendere gli altri e di guardare il mondo con i loro occhi.

Affinché la lettura abbia questo effetto deve essere profonda e concentrata, non superficiale come quella che si può fare sul web: solo una lettura profonda infatti permette di farsi coinvolgere e di sperimentare una complessità sensoriale, emotiva e morale che aiuta lo sviluppo intellettuale ed emotivo.

Infatti la lettura profonda è in grado di stimolare le aree del cervello che gestiscono il linguaggio, l’allusione e la metafora.

Inoltre avere a che fare con i problemi dei personaggi, con i loro dilemmi e pensieri, porta il cervello a scrutare in essi, aumentando l’empatia nella realtà.

Purtroppo la lettura su Internet non ha gli stessi effetti: da un lato non permette di fare la stessa esperienza e dall’altro non aiuta a sviluppare le stesse capacità, due elementi che la rendono meno coinvolgente, anche per i nativi digitali.

Infatti un recente studio inglese ha dimostrato che tra i nativi digitali chi legge solo sullo schermo ha meno probabilità di dire che la lettura è un’attività che amano fare e di dire di avere un libro preferito.

Beh, sono tutti buoni motivi per prendere tra le mani un vecchio e polveroso tomo di carta!

E dopo averlo scelto, non ci resta che tenere il segno con uno di questi meravigliosi segnalibri: