diredonna network
logo
Stai leggendo: Educazione siberiana

Dorothy Parker: se suicidarsi fa male e mette in disordine, "tanto vale vivere..."

Option B di Sheryl Sandberg: "Come ritrovare la felicità anche dopo il dolore più grande"

Giovani, Carine e Bugiarde

Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita

Tre volte te

Pomodori verdi fritti (al caffè di Whistle Stop)

It

La fabbrica di cioccolato

La ragazza con l'orecchino di perla

Il diritto di contare

Educazione siberiana

Educazione siberiana
Educazione siberiana
Educazione siberiana

Consigliato a ...

Chi vuole riflettere sulle implicazioni della violenza.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Recensione e trama

Educazione siberiana è il primo romanzo della Trilogia siberiana di Nicolai Linin e nel 2013 ha ispirato il film omonimo di Gabriele Salvatores.

Una storia a cavallo tra la biografia e il romanzo, ambientata in Transnistria, regione dell’ex Urss che nel 1990 si è autoproclamata indipendente ma non è stata riconosciuta da nessuno Stato.

Qui il giovane protagonista Nicolai, detto Kolima, cresce, in un posto che pare essere fuori dal mondo e dove la criminalità è molto diffusa.

Qui viene educato al rispetto della famiglia e degli anziani, che portano la loro esistenza tatuata sulla pelle, e ad essere un “criminale onesto”, un ossimoro, una contraddizione vivente, e impara i dogmi della comunità, secondo cui la giustizia è fatta di violenza e i poliziotti sono uomini corrotti da cui difendersi.

Ma qualcosa smuove la coscienza di Nicolai, che inizia ad intuire che potrebbero esistere delle alternative al modo di vivere che gli è stato tramandato.

Un romanzo che trasuda violenza, descritta in risse, combattimenti e imboscate che possono scioccare, che, fino ai ripensamenti del protagonista, pare essere l’unica soluzione, l’unico modo in cui comportarsi in una società come quella presentata dall’autore.

Eppure è indubbio che questa società composta da “criminali onesti” abbia il suo fascino o se non altro porti a riflettere sulle motivazioni di tale atteggiamento, visto anche che viene affermato dall’autore che nella comunità siberiana ogni azione ha il fine di proteggere il culto di Cristo.

E anche qui appare l’ossimoro, come appariva per la percezione della criminalità come qualcosa di onesto, perché non c’è tolleranza o perdono per chi viene concepito come un nemico o un traditore, ma anzi punizioni severissime.

Dall’altro lato, si sviluppa l’idea della protezione degli individui più deboli, a cui questi criminali sono “devoti”, che sono concepiti come coloro che scontano per i peccati di tutti gli uomini, e per quelli di questa comunità violenta innanzitutto.

Il tutto è tramandato dagli anziani, che ricoprono il ruolo di maestri, che danno insegnamenti sia nel campo criminale sia in quello spirituale, e che sono delle figure di cui si può quasi respirare l’autorità, grazie alla bravura dell’autore.

Questa bravura ritorna anche nel suo modo di scrivere molto espressivo e contaminato dalle sue origini siberiane, che riesce a conquistare chi legge.

Un libro per riflettere sul perché della violenza e su come qualsiasi società che voglia fare una giustizia a misura d’uomo stia dimenticando di affrontare il fatto che esistano delle esigenze ultime profondamente umane con cui confrontarsi che non si possono esaurire nel concetto di vendetta.

Dettagli

Prezzo Listino: EUR 12,50
Editore: Einaudi
Collana: Trilogia siberiana (1)
Data Pubblicazione: 16/03/2010
Pagine: 343
ISBN-10: 8806202561
ISBN-13: 9788806202569
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: Educazione siberiana