diredonna network
logo
Stai leggendo: Il pianista

Senza volto

L'amore che mi resta: "Quando tua figlia sceglie di suicidarsi"

Giovani, Carine e Bugiarde

"Diana ossessionata da Camilla, la minacciava": le rivelazioni choc in un libro

10 romanzi d'amore che ci hanno fregate più delle principesse Disney

Se non ti vedo non esisti

Manuale di prevenzione amorosa per donne single (e principesse)

9 libri da leggere sotto l'ombrellone - I consigli di Roba da Donne

Tredici

Classici da leggere: se non ne hai letti almeno 7 non sai cosa ti sei perso

Il pianista

Il pianista

Consigliato a ...

Chi cerca una testimonianza diretta dell'Olocausto.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Recensione e trama

Il pianista di Wladyslaw Szpilman è una testimonianza diretta, drammatica e toccante, di un sopravvissuto alla persecuzione nazista degli ebrei di Varsavia, in Polonia.

È la storia di uno dei pochi che ce l’ha fatta, una storia che, nonostante tutto, gli orrori, il dolore, la paura e la morte, parla di vita.

Wladyslaw è un pianista che suona in radio, anche durante i bombardamenti che colpiscono la città e che presto precipitano Varsavia nell’orrore.

Gli ebrei, compreso Wladyslaw, vengono rinchiusi nel ghetto, un luogo dove impara a conoscere le retate e le uccisioni giornaliere, dove tutto è miseria e umiliazione, e dove non ci si sente mai al sicuro.

Quando arriva il momento della deportazione, in cui perde per sempre la sua famiglia, Wladyslaw viene salvato all’ultimo momento da un conoscente: inizia a questo punto una lotta per la sopravvivenza tra le rovine della città, una lotta che lui riesce a vincere, grazie ad alloggi di fortuna e all’inaspettato aiuto di un ufficiale tedesco.

La narrazione è condotta con uno stile sobrio, essenziale e anche asciutto, ma i fatti parlano da soli, colpendo e straziando il lettore, per cui si piange, si ha paura, si prova sollievo e così via.

Davanti a certe testimonianze non si può che chinare il capo e riflettere, meditare sulla crudeltà e sull’abbrutimento, ma anche, davanti all’ufficiale tedesco che aiuta Wladyslaw, pensare a come l’umanità e la solidarietà non possano essere del tutto annientate, che l’orrore non potrà mai avere la meglio del tutto

Un libro dalle cui pagine non emerge odio o volontà di vendetta o accusa, ma solo una profonda tristezza per quello che è accaduto, e ciò rende il libro una testimonianza più potente di molte altre, perché senza grandi parole o frasi sferzanti dice tutto quello che bisogna dire sull’argomento: un’immagine, breve e fugace, è a volte più forte di mille parole.

Come quando l’autore ci racconta l’ultimo pasto condiviso con la famiglia o l’ultimo saluto di suo padre.

Un libro senza dubbio forte e commovente, da cui nel 2002 Roman Polanski ha tratto un film omonimo altrettanto toccante, una lettura per ricordare e per continuare a sperare che, anche nell’oscurità più totale, il cuore dell’uomo sappia restare aggrappato a ciò che è giusto e buono.

Dettagli

Prezzo Listino: EUR 7,90
Editore: Dalai Editore
Collana: ND
Data Pubblicazione: 22/01/2008
Pagine: 239
ISBN-10: 8860732158
ISBN-13: 9788860732156
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: Il pianista. Varsavia 1939-1945. La straordinaria storia di un sopravvissuto