diredonna network
logo
Stai leggendo: L’insostenibile leggerezza dell’essere

L'insostenibile leggerezza dell'essere

L'insostenibile leggerezza dell'essere
L'insostenibile leggerezza dell'essere
L'insostenibile leggerezza dell'essere

Consigliato a ...

Chi cerca un libro intenso.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Recensione e trama

L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera è un libro che racconta la vita attraverso i drammi dei suoi quattro protagonisti, una vita in cui anima e corpo paiono due entità inconciliabili.

Questo romanzo ci racconta di Tomas, un chirurgo di fama che ha perso il lavoro, della sua compagna Tereza, una fotografa che lui ama ma questo amore non è abbastanza per fargli rinunciare alla sue amanti, tra cui Sabina, una pittrice che ha a sua volta un altro amante, il professore universitario Franz.

I quattro personaggi sperimentano ognuno il proprio limite, trasportandoci in una storia passionale e cruda, che ci vuole far riflettere sull’amore e se questo possa essere davvero disinteressato; ma anche una riflessione sulla solitudine e sulla difficoltà di prendere scelte che siano davvero risolutive.

Il romanzo ci racconta dell’incomunicabilità, dell’impossibilità di capirsi e, in fondo, sull’essere se stessi e su quanto questo sia difficile; con un’immagine che si nutre di ironia amara, l’autore ci mostra che l’unico personaggio che osa, Franz, e che sceglie di seguire il proprio cuore, mettendo in gioco tutto di sé, non ottiene nulla, anzi, perde tutto.

E proprio nella tragicità della fine di Franz emerge con forza la dicotomia di cui si parlava all’inizio, l’impossibilità di rispettare le esigenze della propria anima quando il corpo vuole altro, una mancanza di volontà ma anche un’ammissione di quanto l’uomo sia complicato.

Dettagli

Prezzo Listino: EUR 12,00
Editore: Adelphi
Collana: ND
Data Pubblicazione: 29/05/1989
Pagine: 318
ISBN-10: 8845906868
ISBN-13: 9788845906862
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: L'insostenibile leggerezza dell'essere