diredonna network
logo
Stai leggendo: La grande fabbrica delle parole

Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita

Tre volte te

Pomodori verdi fritti (al caffè di Whistle Stop)

Tredici

Classici da leggere: se non ne hai letti almeno 7 non sai cosa ti sei perso

I love Tokyo

Libri di cucina erotica e di giochi sexy tra i fornelli

La regina dei castelli di carta – Millenium Trilogy

La ragazza che giocava con il fuoco - Millenium Trilogy

Uomini che odiano le donne - Millenium Trilogy

La grande fabbrica delle parole

La grande fabbrica delle parole
La grande fabbrica delle parole
La grande fabbrica delle parole

Consigliato a ...

A chi ama le favole moderne

Recensione e trama

Una favola moderna, poetica e tenera come i dolcissimi disegni che ci propone

Un regalo perfetto da fare ad un bambino (di almeno quattro o cinque anni) se volete iniziare ad insegnargli, in maniera semplice e divertente, il valore che hanno le parole che si dicono (motivo per cui si rivela essere adatto anche agli adulti che parlano troppo spesso senza dare il giusto peso a ciò che dicono).

Cosa accadrebbe se ogni parola che vorremmo dire o pronunciare costasse troppo?

È quello che succede nel paese della Grande Fabbrica delle parole, fabbrica che ne sforna in tutte le lingue e a tutte le ore del giorno e della notte; per pronunciarle però bisogna mangiarle, inghiottirle, ma prima di tutto comprarle.

E se non puoi comprarle, allora sarai costretto a serbarle solo dentro al cuore.

Quindi in questo paese le persone parlano pochissimo, perché le parole purtroppo non sono alla portata di tutti: alcune parole sono più costose di altre e solo le persone ricche se le possono permettere e ai poveri non resta che frugare nei cassonetti cercando quelle parole che altri hanno gettato, mentre i bambini escono armati di retino per catturare le parole che volano nell’aria.

Tutto questo è una bella ingiustizia per bambini come Philèas, innamorato della piccola Cybelle, alla quale vorrebbe dichiararsi pronunciando un sentito “ti amo” che però non può permettersi; sarà quindi costretto a serbare dentro di sé queste parole speciali, portatrici di un sentimento dolcissimo e puro, e accontentarsi di tre parole a caso, le migliori alla sua portata: ciliegia, polvere, seggiola.

Oscar invece è un bambino ricchissimo che può permettersi di dire a Cybelle che un giorno la sposerà urlando parole a raffica, ma poco sentite.

Chi conquisterà il cuore della dolce bambina dai capelli bruni e il vestito rosso?

E cosa conta davvero nella vita?

Un libro intenso, tenero, emozionante, potente, delicato e sognante, dai testi semplici e brevi che bastano però a creare un’atmosfera dolce e poetica, veicolata anche dalle illustrazioni eseguite benissimo.

Ci troviamo di fronte a poesia pura, stimolante, educativa, sensoriale, con una trama davvero attuale, in un mondo che ha sempre meno voglia di parlare col cuore.

Una storia delicatissima e dolce, ben calibrata, illustrata con sensibilità e ben narrata, come si diceva adatta ai bambini, ma anche agli adulti che hanno dimenticato l’importanza delle parole sincere, quelle che provengono dal cuore.

Dettagli

Prezzo Listino: EUR 10,00
Editore: Terre di Mezzo
Collana: ND
Data Pubblicazione: 13/10/2011
Pagine: 40
ISBN-10: 8861891551
ISBN-13: 9788861891555
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: La grande fabbrica delle parole