diredonna network
logo
Stai leggendo: I dolori del giovane Werther

Le mamme ribelli non hanno paura

Elsa Morante: l'artista, la femminista e quei giochi erotici con Luchino Visconti

Sibilla Aleramo, la violenza a 15 anni e quell'amore furibondo che portò lui alla pazzia

Bianca Pitzorno, la scrittrice per bambini che non volle figli: "Meglio essere zia"

Senza volto

L'amore che mi resta: "Quando tua figlia sceglie di suicidarsi"

Giovani, Carine e Bugiarde

Tredici

Classici da leggere: se non ne hai letti almeno 7 non sai cosa ti sei perso

Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita

I dolori del giovane Werther

I dolori del giovane Werther
I dolori del giovane Werther
I dolori del giovane Werther

Consigliato a ...

Chi cerca una storia che parla di amore e morte, di sentimento e ragione.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Recensione e trama

I dolori del giovane Werther è, insieme al Faust, l’opera più nota di Goethe, scrittore tedesco esponente del Romanticismo, di cui in questo libro tratta le tematiche principali, in un periodo storico in cui questo movimento era ancora agli albori e in Germania era attivo il movimento dello Sturm und Drang.

Scritto sotto forma di romanzo epistolare, il libro vede come protagonista Werther, un giovane che vive i sentimenti in modo assoluto, che si innamora di Lotte, una donna che lui sa sin dall’inizio non essere libera, perché legata ad Albert.

Per lui questo è l’inizio di una sofferenza profonda che lo condurrà alla disperazione, che troverà il coronamento nel tragico finale.

Il Werther è un romanzo che parla di passione, che ripropone la tematica del rapporto tra eros e thanatos, tra amore e morte, tuttavia sarebbe limitante vedere nelle sua pagine solo questi elementi: si parla infatti del rapporto con la natura, vissuta panteisticamente, come un’entità in cui annullarsi e al tempo stesso come specchio delle emozioni del protagonista; si tratta anche del rapporto del singolo con la società e della contrapposizione tra sentimenti e razionalità.

Parlando a titolo personale, è quest’ultimo tema quello che ha suscitato più impressioni e domande: il sentimento può essere totalmente scisso dalla razionalità e viceversa? Il sentimento sino a che punto può offuscare la ragione?

Ripensando alla trama, all’amore irrealizzabile nel quale Werther si perde, emergono delle evidenze: la passione del giovane per Lotte non può svilupparsi perché lei è indubbiamente impegnata e poi sposata con Alberto, ma anche perché Werther pare in fondo più impegnato a costruire il proprio mito romantico fatto di un amore non corrisposto se non a livello platonico; l’amore irrealizzabile è, di fatto, la dimensione in cui il giovane decide di perdersi, credendo di amare Lotte più di ogni altra cosa, quando di fatta ama di più se stesso.

Per questo Werther ha di fatto la pretesa che il suo suicidio finale porti Lotte ad amarlo, in nome del senso di colpa che vuole suscitare lei; si tratta di un ricatto, un ricatto che non può che essere pensato razionalmente e che mette in evidenza l’esasperazione a cui può portare un amore vissuto come totalizzante, soprattutto quando non può esserlo.

Wether sceglie di spararsi al cranio, in un gesto che può essere interpretato come la definitiva vittoria del cuore; eppure è un gesto che risulta razionalmente macchinato. Quindi chi vince?

Dettagli

Genere: Classici
Prezzo Listino: EUR 8,00
Editore: Feltrinelli
Collana: ND
Data Pubblicazione: 15/01/2014
Pagine: 152
ISBN-10: 8807900254
ISBN-13: 9788807900259
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: I dolori del giovane Werther