diredonna network
logo
Stai leggendo: Hunger Games

Dorothy Parker: se suicidarsi fa male e mette in disordine, "tanto vale vivere..."

Option B di Sheryl Sandberg: "Come ritrovare la felicità anche dopo il dolore più grande"

Giovani, Carine e Bugiarde

Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita

Tre volte te

Pomodori verdi fritti (al caffè di Whistle Stop)

It

La fabbrica di cioccolato

La ragazza con l'orecchino di perla

Il diritto di contare

Hunger Games

Hunger Games
Hunger Games
Hunger Games

Consigliato a ...

Chi cerca un romanzo avvincente che al tempo stesso sappia far emergere alcune tematiche importanti, come il ruolo dei media nella vita di ogni giorno e l'importanza di non far tacere la propria coscienza in un mondo dove quello che conta pare essere solo sopravvivere.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Recensione e trama

Hunger Games è il primo libro dell’omonima trilogia firmata da Suzanne Collins, una serie di romanzi distopici ambientata in un’America post-apocalittica.

Qui le persone vivono suddivise in 12 Distretti, controllati da Capitol City, che ogni anno organizza gli Hunger Games, un reality show dove 24 giovani concorrenti, due per ogni Distretto e di un’età compresa tra i 12 e i 18 anni, si sfidano in un’arena finché non ne resta in vita solo uno.

Katniss vive nel Distretto 12 e, il giorno della mietitura, cioè dell’estrazione dei nomi dei partecipanti agli Hunger Games, si offre volontaria per salvare la sorellina.

Katniss sa di avere pochissime possibilità di vittoria, perché il vincitore degli Hunger Games non è solo il più forte, il più abile e il più bravo, ma anche quello che si rivela in grado di conquistare il pubblico e gli sponsor, ma si impegnerà al massimo per poter tornare dalla sorella.

Con lei c’è anche Peeta, un ragazzo gentile e mite, che si rivela innamorato di Katniss.

Eppure questo non importa negli Hunger Games, dove non contano nemmeno le amicizie o gli affetti e l’umanità di ognuno viene messa a tacere in nome di uno spettacolo truculento.

Riuscirà Katniss a farcela?

Hunger Games è un romanzo che ha il pregio di porre molte questioni al lettore attraverso la storia che narra; una storia che, grazie anche alla struttura narrativa semplice, è al tempo stesso avvincente e inquietante.

Perché questo libro interroga e ci fa interrogare, mostra che in una logica di soppressione e spettacolarizzazione tutto può essere sacrificato e al tempo stesso esaltato per meri fini di audience: sentimenti, dignità, anche la stessa vita.

Una critica a un certo tipo di società che sotto molti aspetti è la nostra portate alle estreme conseguenze ma che mostra anche che cosa può succedere quando gli uomini smettono di essere tali.

È in quel momento che ogni cosa perde di valore e tutto concorre nell’istinto di sopravvivenza, eliminando la solidarietà, il rispetto per gli altri, l’empatia.

Eppure, nella semplicità di un gesto o nel ricordo di chi è rimasto a casa ed attende, l’umanità riaffiora, perché sempre c’è la speranza; perché, che sia davanti alle telecamere e o a un mondo che con un gioco crudele e spietato vuole mantenere il controllo sulla popolazione terrorizzandola, quello che salva è non recidere i legami con gli altri e anzi crearne di nuovi, non lasciare che la propria coscienza venga annientata dalla paura e dalle logiche che il mondo vuole imporre.

In conclusione, davvero un buon libro.

Dettagli

Genere: Fantascienza
Prezzo Listino: EUR 14,90
Editore: Mondadori
Collana: Hunger Games (1)
Data Pubblicazione: 01/03/2012
Pagine: 376
ISBN-10: 8804621613
ISBN-13: 9788804621614
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: Hunger games