diredonna network
logo
Stai leggendo: Fahrenheit 451

Tredici

Classici da leggere: se non ne hai letti almeno 7 non sai cosa ti sei perso

Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita

Tre volte te

Pomodori verdi fritti (al caffè di Whistle Stop)

I love Tokyo

Letture sotto l'albero: 15 libri perfetti da regalare a Natale

Cosa Succede nella Nostra Mente quando Leggiamo

10 Libri Che Faranno Di Te Una Persona Migliore

Mary Higgins Clark e libri gialli, binomio da best seller

Fahrenheit 451

Fahrenheit 451

Consigliato a ...

Tutte le amanti della fantascienza, ma anche a chi mette decisamente in discussione il ruolo e lo strapotere assunto dai nuovi media, in primis la televisione, capace di manipolare e distorcere lo spirito critico delle persone. Chi vede nel libro il mezzo migliore per tenere il proprio cervello in allenamento e libero condividerà senz'altro l'appassionata difesa che Ray Bradbury ne fa nel romanzo.

Recensione e trama

In un imprecisato futuro posteriore al 1960, Guy Montag fa parte del corpo dei pompieri che ha uno specifico compito: rintracciare coloro che si macchiano del “reato di lettura“.

In questa futuristica società distopica, infatti, possedere o consultare libri è un’infrazione estremamente grave alla legge, e la repressione di questo crimine è affidata proprio ai pompieri, e attuata bruciando tutti i volumi trovati e requisiti.

La televisione è il solo mezzo lecito e consentito ai cittadini coscienziosi e rispettosi della legge per informarsi e istruirsi, venendo a conoscenza delle informazioni minime che gli sono sufficienti per vivere serenamente, ignorando ogni altra forma di comunicazione. Il governo utilizza la televisione per imporre le proprie regole sociali, e per i libri non c’è dunque più spazio.

Guy Montag all’inizio della narrazione è molto fiero della propria missione e zelante nel compierla, ma, una volta letto in gran segreto un trafiletto di un libro che dovrebbe bruciare, è attirato dalla lettura, ed inizia perciò a leggere alcuni volumi salvati e trafugati di nascosto. A contribuire ad un mutamento nella sua visione del mondo, rovesciando inaspettatamente la prospettiva di giusto e sbagliato che fino ad allora lo aveva guidato, ci penserà Clarisse, ragazza cresciuta diversamente rispetto ai criteri imposti dal governo: lei e la sua famiglia, infatti, alla televisione preferiscono il dialogo, e questo sembra giovare al loro umore e al loro modo di vivere.

Guy se ne renderà conto facendo un paragone con la propria situazione domestica, scoprendo di non avere mai amato la moglie Mildred, depressa e tendente al suicidio, e capendo che la lettura dei libri avrebbe potuto aprirgli una nuova visione del mondo, permettendogli di allontanarsi definitivamente da quello che aveva compreso essere l’universo sbagliato. Ma questa riscoperta di sé e di questa nuova, diversa realtà, irrimediabilmente andrà a scontrarsi con quella esistente, portandolo in maniera inevitabile e inarrestabile alla rovina. Denunciato da Mildred, sarà costretto dai colleghi pompieri a bruciare i suoi libri, ferirà a morte l’ex capo Beatty e sarà costretto a fuggire dalla città; proprio in questo drammatico momento, tuttavia, Montag capirà di non essere il solo a volersi ribellare a questa feroce manipolazione mediatica.

Ray Bradbury ha trasposto in questo romanzo di fantascienza del 1953 tutta la propria passione per la letteratura, coltivata fin dalla giovane età, e tutta la rabbia scaturente dalla censura e dalla distruzione cui i libri sono stati più di una volta sottoposti nel corso della storia. Sconvolto per i roghi dei nazisti, dalla repressione stalinista che, nell’epoca della cosiddette Grandi Purghe, condannò e giustiziò moltissimi intellettuali e letterati, e mosso dall’astio verso il governo americano, soprattutto con l’ascesa al potere di McCarthy, lo scrittore ha riversato nelle pagine di Fahrenheit, conosciuto in italiano anche con il titolo “Gli anni della fenice“, tutta l’avversione verso i nemici della cultura, e verso il ruolo di ago ipodermico dell’opinione pubblica della televisione, denunciando l’idea del “cittadino passivo” disposto ad accettare acriticamente ogni contenuto da essa propinato.

L’idea alla base del libro è di costruire personalmente, senza nessun vincolo esterno, una propria memoria ed un proprio spirito critico, documentandosi in maniera soggettiva attraverso fonti diverse e non contaminate; nonostante siano passati più di sessant’anni dalla pubblicazione del libro, i temi su cui si fonda sembrano davvero molto attuali e calzanti rispetto alla situazione odierna, dove alla televisione si sono aggiunti sempre più mezzi di informazione. Si potrebbe quasi affermare che Fahrenheit abbia anticipato quanto Orwell esprimerà nel suo “Grande Fratello” del 1984.

451 sono i gradi Fahrenheit a cui indicativamente la carta brucia e, anche se questo elemento non emerge mai nel libro, il fondamentale simbolismo del numero trova la sua espressione in un particolare: 451, infatti, è proprio il numero riportato sull’elmetto di Guy Montag.

Dettagli

Genere: Fantascienza
Prezzo Listino: EUR 10,50
Editore: Mondadori
Collana: ND
Data Pubblicazione: 01/10/2000
Pagine: 210
ISBN-10: 8804487712
ISBN-13: 9788804487715
Lingua Originale: Italiano
Lingua Edizione: Italiano
Titolo Originale: Fahrenheit 451