diredonna network
logo
Stai leggendo: “Diana ossessionata da Camilla, la minacciava”: le rivelazioni choc in un libro

Le mamme ribelli non hanno paura

10 Imperdibili Biografie di Donne Incredibili che Hanno Fatto la Storia!

Il diritto di contare

10 Storie di Mamme in 10 Libri per Commuoversi, Riflettere, Sorridere

Senza volto

Federico Moccia racconta "Tre volte te": "Ascoltare l'amore non ci stanca mai"

Meglio il libro o... la serie tv? Ecco 15 fiction ispirate a romanzi

9 libri di cui uscirà il film nel 2017 da leggere prima di andare al cinema!

Olocausto: storie di 4 bambini vittime dei campi di concentramento

Arriva Kakebo, l'agenda con il metodo giapponese che vi fa risparmiare

"Diana ossessionata da Camilla, la minacciava": le rivelazioni choc in un libro

Camilla Parker Bowles svela per la prima volta alcuni retroscena sul triangolo amoroso che l'ha coinvolta con Carlo e Diana, dalle gelosie alle minacce, in una biografia che sta per uscire in libreria.
Fonte: getty images

Si chiama “The Duchess: the untold story“, ed è la prima biografia autorizzata di una delle donne più discusse e odiate dell XX secolo, Camilla Parker Bowles; l’attuale moglie del principe Carlo d’Inghilterra per anni si è attirata antipatie e giudizi, per il suo ruolo – di non poco conto – nel divorzio dell’erede al trono dall’amatissima Lady D, di cui proprio quest’anno, ad agosto, ricorrerà il ventesimo anniversario dalla tragica scomparsa. È stata definita “il terzo incomodo”, “la rovina – famiglie reale”, ma adesso la duchessa di Cornovaglia ha deciso di rompere definitivamente il silenzio e di raccontare la sua versione della storia del triangolo amoroso più controverso e scandaloso del nostro tempo, affidandola alla royal watcher Penny Junor.

Il nostro matrimonio è un po’ troppo affollato.

Dichiarò Diana in’intervista alla BBC nel 1995, pochi mesi dopo la separazione da Carlo, sposato nel 1981, riferendosi proprio a Camilla, la donna che non era mai veramente uscita dalla vita del marito. Il suo primo amore, come traspare in maniera evidente dalle pagine del libro della Junor, la donna per cui Carlo aveva immediatamente perso la testa, ma a cui aveva, suo malgrado, dovuto rinunciare per la totale mancanza di sangue blu di lei. Camilla nel 1973 sposa l’ufficiale dell’esercito Andrew Parker Bowles (dal quale divorzia nel 1995), ma prima scrive a Carlo una lunga e straziante lettera d’addio, prima che lui accetti di fidanzarsi con l’aristocratica diciannovenne Diana Spencer.

Il fatto, però, è che Camilla non se ne va mai veramente dalla vita dell’erede al trono, e non solo perché i Parker Bowles appartengono alla ristretta cerchia di amici intimi della coppia; Diana, dopo i primi anni di totale inconsapevolezza, ben presto inizia a realizzare che la figura della donna amata in gioventù da Carlo è troppo ingombrante, una presenza fissa nel loro equilibrio matrimoniale, e lo scopre proprio qualche settimana prima delle nozze, quando trova sulla scrivania del segretario del futuro sposo un braccialetto appartenente a lei, recante le loro due iniziali.

Inutile poi ripetere quello che la storia ormai ha reso noto, ovvero che dopo cinque anni di lontananza la relazione tra Carlo e Camilla riprende a pieno ritmo perché, le avevano detto gli amici, lui soffriva troppo senza di lei, che l’unione clandestina va avanti fino al divorzio di Carlo e Diana e a quell’affermazione sarcastica di Lady D nell’intervista televisiva, che il matrimonio agognato e sognato per anni dai due si celebra, finalmente, nel 2005, dopo tutta una vita trascorsa ad amarsi (più o meno) segretamente.

Fonte: dailymail

Quello che non si sapeva, almeno fino all’uscita del libro di Penny Junor, era qualcosa circa le reazioni private di Lady Diana rispetto alla love story del marito, definito dall’autrice “l’architetto del disastro”, ovvero l’artefice di tutto, compresa la bulimia della moglie, in cerca disperatamente di attenzioni che evidentemente sapeva di non poter avere. Per la prima volta Camilla racconta di Diana Spencer come di una ragazza “tenera e divertente” nei primi tempi della sua relazione con Carlo, ma anche capace di folli gesti di gelosia e di minacce. Dopo il ritrovamento del braccialetto, ad esempio, nel libro si parla di urla, grida e di mobili presi a pugni o distrutti dalla Principessa del Galles per la rabbia, mentre in luna di miele Diana avrebbe scaraventato nell’acqua acquerelli e attrezzature di Carlo. Anche verso Camilla, poi, la madre di William e Harry non sarebbe stata tanto tenera con il passare del tempo, dato che, racconta il libro, l’attuale moglie di Carlo avrebbe ricevuto minacce telefoniche da Diana: “Ho inviato qualcuno per ucciderti. Sono fuori nel giardino”. Senza contare l’abilità acquista con gli anni da Lady D nello sfruttare i media e i tabloid per porre in cattiva luce Camilla, che già  aveva a suo svantaggio il ruolo, scomodissimo, di amante dell’erede al trono d’Inghilterra.

The Duchess: the untold story” rivela tutto quanto ancora era sconosciuto al grande pubblico di uno dei rapporti più complessi e scabrosi mai avvenuti in una famiglia reale, di un triangolo che ha intrecciato, inevitabilmente, tre vite diverse per anni, che ha scatenato pettegolezzi e dicerie, ma anche una grande storia d’amore, mai interrotta, e l’umanità di una donna che, a prescindere dal suo ruolo ufficiale, era anche – e soprattutto – fatta di gelosie, di sentimenti, di insicurezze, come la maggior parte di noi. Sembra un romanzo,  ma non lo è. Il libro, edito da Harper Collins, arriverà nelle librerie il 29 giugno. Si prevedono reazioni senza dubbio interessanti.